Google

Web difossombrone.it

Coccidiosi

coccidiosi
( immagine: http://mypage.bluewin.ch/ )

La coccidiosi Ŕ una malattia parassitaria largamente diffusa, comune a tutti gli animali domestici, causata da protozoi e sporozoi specie specifici appartenenti a generi chiamati generalmente "coccidi".
I coccidi diffusi, patogeni per il cane sono: Isospora canis, Isospora bigemina, Eimeria canis.

L'infezione avviene per ingestione delle oocisti mature presenti nell'ambiente, elementi infettanti eliminati con le feci da un animale malato o portatore. A livello intestinale (intestino tenue, soprattutto ileo) le oocisti liberano gli sporozoiti che penetrano nelle cellule della mucosa intestinale dove si moltiplicano e subiscono trasformazioni fino a completare il ciclo con produzione di nuove oocisti immature; le oocisti immature vengono emesse con le feci e in condizioni ambientali favorevoli subiscono un processo di maturazione che le rende infettanti (in condizioni ottimali la maturazione avviene in 2-5 giorni).

coccidi
( immagine: http://www.sief.it/ )

SINTOMI

La coccidiosi rappresenta una malattia grave nei cuccioli, infatti gli adulti hanno una resistenza sia naturale che acquisita per cui non subiscono gravi danni (o non ne subiscono affatto) da questo tipo di infezioni. In ogni caso anche se nell'adulto l'infezione da coccidi non rappresenta un pericolo ├Ę pur sempre un problema da non sottovalutare, soprattutto perch├ę un adulto infettato pu├▓ diventare portatore sano. C'├Ę inoltre da tenere presente il fatto che spesso l'infezione da coccidi ├Ę seguita da sovrainfezioni batteriche o virali.
I sintomi principali sono dovuti all'azione traumatica che i coccidi esplicano a livello di mucosa intestinale: diarrea ricoperta di muco, non di rado emorragica, e talvolta vomito. A livello generale predominano anoressia o disoressia, abbattimento, disidratazione e anemia. Nei casi pi├╣ gravi possono comparire fenomeni nervosi con crisi epilettiformi e paresi, congiuntiviti, scolo nasale, tosse, difficoltÓ respiratorie dovute a sovrainfezioni cimurrose.

DIAGNOSI

Viene effettuata tramite l'esame delle feci.

TERAPIA

Terapia con sulfamidici o sulfamidici combinati con altri farmaci, metronidazoloo clortetraciclina cloridrato a cui si associa una terapia collaterale con soluzioni nutritive, reidratanti, ecc.. Nei luoghi in cui sono presenti animali Ŕ importante attuare una profilassi per eliminare le oocisti presenti nell'ambiente (disinfettanti, vapore).
Si consiglia sempre e comunque di effettuare periodicamente una analisi delle feci del cane. Se l'animale dovesse risultare positivo all'analisi, si consiglia di farsi consigliare dal veterinario di fiducia.

 

Torna su

 

Torna alla Home collabora con difossombrone.it
Copyright © Difossombrone.it tutti i diritti sono riservati

Sito internet realizzato da VedaNet